Narcisismo e Coodipendenza: gli schemi comuni, simili


Oggi ho trovato un articolo, che sento di dover condividere per aiutare chi sta attraversando un periodo di profonda osservazione e guarigione delle proprie ferite, a fare maggiore chiarezza. Molto chiaramente, l’autore dell’articolo, spiega le dinamiche tra Narcisista e Coodipendente, quali sono gli automatismi ed i programmi che entrambi innescano più o meno consapevolmente, molto simili, ai quali però hanno imparato a reagire in modo diverso.

Se i disturbi di personalità vi sono completamente oscuri, vi invito a leggere questo articolo così da avere un’idea più chiara, eventualmente.

Una cosa che ho compreso, personalmente mi trovo in un periodo della vita, in cui l’inconscio mi ha condotta alla mia ferita originaria, tramite l’esperienza.. che ho accolto come maestra, e …quello che ho compreso è proprio questo: Narcisista e Coodipendente hanno proprio la stessa identica ferita, solo che hanno reagito in modo diverso al dolore. Uno (il narcisista patologico) si è chiuso nel suo mondo fantastico dove lui è un Dio, basta a sè stesso, non ha bisogno di nessuno e chi ha bisogno di essere amato (lui no) è una melma strisciante che ha diritto di esprimere sè stesso pari a zero, nessuno può competere con lui (anche se lui cercherà una costante competizione, per vincere e basta) nè ha il diritto di entrare nel suo mondo, altrimenti dovrà essere schiacciato, perchè sa troppo. Il coodipendente invece ha scelto di soccombere alla Divinità altrui, genitoriale all’origine, del compagno spesso Narcisista, poi… o gli amici stessi, senza ribellarsi affatto, perchè quando ci ha provato è stato punito forte,… convinto di non meritare la vita stessa, nè l’amore di nessuno (nel profondo, a livello molto profondo, pensa questo di sè anche il Narcisista).

Sostanzialmente, la ferita è identica!

Buona lettura:

PREMESSA: Userò il maschile molto spesso in questo articolo riferendomi al narcisista, per questioni meramente pratiche. Infatti, sebbene le statistiche mostrino una prevalenza di questo disturbo di circa il 70-80% a carico della popolazione maschile, è possibile riconoscerne una fetta anche all’interno della popolazione femminile!

Senza entrare nel merito di ogni singolo schema per descriverne origine, caratteristiche e modalità di manifestazione, ci limitiamo in questa sede a individuare quali sono gli schemi tipici dei narcisisti e quelli che essi sono in grado di ATTIVARE nell’altro (W.T. Behary, “Disarmare il narcisista”).

Tipici schemi del narcisista

  • DEPRIVAZIONE EMOTIVA. “nessuno potrà amarmi per ciò che sono davvero” dice il narcisista, ergo “non devo avere bisogno di nessuno” (stile di coping si ipercompensazione). Freddezza, distacco emotivo;
  • INADEGUATEZZA/VERGOGNA. Ad un livello profondo ed inconsapevole, si sente non amabile e si vergogna di sé. Tale sensazione viene mantenuta al di fuori della coscienza anche attraverso attività autoconsolatorie compulsive (troppo lavoro, sport, ecc…) e provoca il continuo bisogno di conferme del proprio valore eccezionale, di ammirazione e approvazione per il suo essere speciale;
  • SFIDUCIA/ABUSO. Crede che gli altri siano gentili con lui per ottenere qualcosa; è scettico e diffidente sulle motivazioni altrui e mantiene le distanze;
  • AUTOCONTROLLO INSUFFICIENTE. Rifiuta limiti e regole, che si applicano solo agli altri. Non tollera la frustrazione di non ottenere subito ciò che vuole;
  • PRETESE/GRANDIOSITA’. È lo schema tipico del narcisista. Ha bisogni grandiosi, si sente speciale e unico, vuole essere trattato di conseguenza con riguardi speciali. Ha sogni grandiosi e si sente superiore: tutto questo serve anche a “consolare” la strisciante e inconsapevole sensazione di non amabilità e inadeguatezza.
  • RICERCA DI APPROVAZIONE. Anche in questo caso lo schema cerca di soddisfare il bisogno di approvazione legato alla sensazione di non amabilità e inadeguatezza che viene mantenuta, per la maggior parte del tempo, fuori dalla coscienza. L’approvazione è il carburante necessario a tenere in movimento il meccanismo della perfezione/specialità. È un’ipercompensazione del profondo senso di solitudine e inadeguatezza;
  • STANDARD SEVERI. La spontaneità e il lasciarsi andare rappresentano una minaccia per il senso di inadeguatezza e non amabilità sottostante, perché potrebbero lasciar affiorare il vero Sé tenuto ben nascosto: perciò si deve sempre dar da fare per raggiungere la perfezione. Tenersi sempre impegnato per fare qualcosa…

Schemi innescati nel partner

  • DEPRIVAZIONE EMOTIVA. Convinti di non poter essere amati davvero da nessuno, queste persone trovano nel narcisista il “compagno di schema” perfetto per rimettere in piedi le antiche scene: si sentono tristi, soli e non amati ma è tutto ok. SI tratta di qualcosa di familiare;
  • SFIDUCIA/ABUSO. Gli abusi e il comportamento profittatore del narcisista rievocano vecchi ricordi e scene del passato: ci si sente come se di dovessero comunque sopportare, come si ha sempre fatto, fatto e che nulla cambierà. È familiare anche questo;
  • ABBANDONO. Tanta è la paura di restare da soli che si vorrà sopportare di tutto dal narcisista pur di non essere lasciati;
  • INIBIZIONE EMOTIVA. Si tengono le proprie emozioni ben nascoste e controllate per non disturbare, per non essere inopportuni. Il narcisista si abbandona a insopportabili sfuriate, con la stessa naturalezza con la quale chi ha questo schema resta silenzioso e attonito a sopportare;
  • AUTOSACRIFICIO. “Non devo chiedere nulla per me”, “devo preoccuparmi prima degli altri” dice lo schema. E il narcisista renderà questo atteggiamento ancora più radicato richiedendo attenzioni, sacrifici e premure solo per sé come un diritto acquisito;
  • SOTTOMISSIONE. Chi ha questo schema attivo, ha difficoltà a far valere i propri bisogni e desideri; il narcisista, con i suoi atteggiamenti minacciosi e intimidatori renderà ancora più difficile esprimere rabbia e disappunto.
  • INADEGUATEZZA/VERGOGNA. Quando è attivo, questo schema provoca sensazioni di inadeguatezza e non amabilità; ci si sente dunque in dovere di fare ciò che l’altro si aspetta, di mettersi sempre in discussione, di sentirsi in colpa per ciò che non funziona…
  • STANDARD SEVERI. Figlio dell’inadeguatezza. Quando questo schema è attivo, si cerca di diventare sempre più tenacemente il partner/figlio/amico/collega perfetto facendo sforzi enormi, rinunciando a ciò che si sente nel profondo e tentando di vivere secondo gli standard degli altri.

Similia similibus

Osservando gli schemi del narcisista e del partner del narcisista, emergono alcune similitudini: entrambi infatti condividono alcuni schemi disfunzionali.

Si tratta degli schemi di: Inadeguatezza/Vergogna, Deprivazione Emotiva, Sfiducia/Abuso e Standard Severi, schemi che originano dalle precoci esperienze di deprivazione di cure amorevoli, accoglimento, protezione e rispetto, riconoscimento e amore incondizionato.  Solo che essi reagiscono al dolore in maniera diversa:

  1. il narcisista IPERCOMPENSA attraverso la creazione di un GRANDIOSO SENSO DI SÉ e di una barriera di DISTACCO DALLE EMOZIONI (“devo essere assolutamente indipendente, attento a non farmi fregare, distaccato, capace di cavarmela da solo, devo essere il migliore di tutti”)
  2. il partner tipico del narcisista ha un atteggiamento diverso di reagire agli schemi disfunzionali: la RESA. Si arrende al senso di inadeguatezza e di non amabilità, si arrende alla convinzione che presto verrà abbandonato, si arrende alla voce interna che gli dice “devi fare di tutto per renderti amabile, devi tollerare tutto dall’altro o ti lascerà, non sei abbastanza in gamba, devi mettere da parte le tue necessità, devi fare di più…”

Queste similitudini di fondo tuttavia, si esprimono con atteggiamenti complementari nel narcisista e nel partner, dando vita ad una sorta di “danza degli schemi” potenzialmente infinita e decisamente dolorosa, all’interno della quale ogni passo dell’uno fa eco al passo complementare dell’altro in una spirale di insoddisfazione e sofferenza crescenti.

È quindi molto importante conoscere e riconoscere i propri schemi disfunzionali, imparando a capire:

1)     QUANDO SI ATTIVA UNO SPECIFICO SCHEMA

2)     QUALI SEGNALI INDICANO CHE SI È ATTIVATO: potrebbero essere sensazioni fisiche in particolari parti del corpo come lo stomaco, il petto o la gola…

3)     QUALI EMOZIONI E STATI D’ANIMO SI ASSOCIANO AD ESSO: tristezza, paura e ansia, inquietudine, rancore e rabbia, preoccupazione ecc…

4)     QUALI RICORDI CI RIEVOCA DAL PASSATO: immagini di episodi dell’infanzia, ricordi di cose accadute molto tempo fa…

5)     QUALI COMPORTAMENTI CI SPINGE A METTERE IN ATTO: sottomissione e tolleranza eccesiva, eccessiva dedizione e trascuratezza delle proprie necessità e ragioni, fare di tutto per trattenere l’altro…

6)     QUALI CONSEGUENZE SI OTTENGONO CON TALI COMPORTAMENTI: ci accorgeremmo probabilmente che si tratta di comportamenti che non fanno che ripetere sempre la stesa spirale di sofferenza

Una volta comprese queste fasi, è possibile introdurre qualche piccolo e graduale cambiamento a due livelli:

  • Modificando e mettendo in discussione le convinzioni distorte che sono alla base dello schema disfunzionale;
  • Modificando i comportamenti che si era soliti attuare, sostituendoli con azioni più sagge, libere e salutari;
  • Lavorando sulle emozioni legate a specifici ricordi

Se è possibile imparare a fare questo lavoro su di Sé anche autonomamente, è certamente preferibile chiedere il supporto di un professionista che sia in grado di seguire questo processo con amore e preparazione e che sia soprattutto in grado di trasmettere quell’accoglimento amorevole, qual accettazione incondizionata e quel senso di “base sicura” che sono venute a mancare nelle prime importanti fasi della vita emotiva.

Fonte dell’articolo: http://psicoadvisor.com/narcisista-partner-la-danza-degli-schemi-7396.html

Vi lascio con una canzone del cantautore Nicolò Fabi, palesemente una dinamica Narciso/Eco, per dimostrare come siamo inconsapevolmente immersi in tutto questo.. come se fosse …normale…

 

Cosa vuol dire essere affettivamente dipendenti?

Dipendenza affettiva significa appoggiarsi sull’altro per colmare un senso di vuoto, perdendo il rispetto, l’amore e la fiducia in se stessi all’interno delle proprie relazioni, finendo per vivere principalmente dell’attenzione dell’altro.

Anche si sta già facendo un lavoro onesto e reale su di sè, accade che arrivi una sfida, il narcisista, che è a tutti gli effetti una prova dell’amore per sè stessi, come dice Nicolò Fabi nella canzone che vi ho sopra linkato “Qual è il grado di dolore che riesci a sopportare, prima di fermare l’esecuzione?”

Con l’arrivo del narcisista, che è un vero e proprio “ripercorrere un trauma già vissuto” si innescano di nuovo tutte le dinamiche.. perchè? … perchè la ferita è ancora lì, e guarire spesso non è sinonimo di scoparsa della stessa… ma, l’accettazione che vi sia questa ferita, che forse per tutta la vita ci si sentirà in quel modo, con una voragine dentro, ma… la differenza tra il subire incosciamente e passivamente ed invece il rendersi conto delle proprie dinamiche (più che quelle dell’altro, anche se un’analisi di queste può comunque aiutare a comprendere sè stessi) è la chiave! … perchè a quel punto puoi uscire dalle dinamiche distruttive, riaggiustando il tiro nei casi meno gravi, ma.. nei casi in cui l’altro è davvero troppo distruttivo per noi, mollare la presa, a dimostrazione di un vero amore per sè stessi!

Marie-Chantal Deetjens analizza questo vasto problema, della dipendenza, e fornisce al lettore numerosi strumenti per guarire o per aiutare una persona che soffre di questa condizione.

 

 

 


Informazioni su Daniela (Animessere)

La comunicazione, che sia verbale o non verbale, gioca un ruolo fondamentale in tutti i settori della vita. Un'immagine può rivelare molte cose, una parola detta nel modo e nel momento giusto può fare la differenza, come anche uno sguardo, un'abbraccio. Alla base di questo c'è l'individualità, perchè ogni persona è unica, e nella sua unicità va colta la sua essenza, la sua verità , il suo mondo. Sull'individualità  si fonda l'intera esistenza, l'omologazione rende schiave le persone e la loro vera essenza. Amo ascoltare o condividere momenti con le persone, e penso che la comunicazione sia l'unica via per un modo migliore, che questa avvenga tramite le parole, uno sguardo o un'abbraccio sincero. Amatevi ed Amate, senza ritegno!