Sessualità  Sacra, Amore e Specchi


tantra is loveLa Sessualità  è una parte fondamentale della vita di ogni essere vivente, persino delle piante!

Eppure per secoli il Sesso è stato svuotato del suo Sacro significato, del suo potere creativo, rigenerativo, e trasformativo.

Etichettato con il marchio dello squallore, e le religioni in questo hanno avuto un ruolo fondamentale, pervertito ed investito da un senso di colpa e caricato di Tabù, ha finito per sviluppare violenza nell’uomo a causa della repressione e del giudizio di una fondamentale parte di Sè, la parte più pura e libera.

Si perchè, l’energia Sessuale è Pura e Libera Creatrice, è l’origine delle cose, persino l’universo potrebbe essere nato dalla stessa energia esplosiva, se pensiamo alla teoria del Big Bang. Pura energia che si manifesta in un corpo, unica forza paragonabile ad un’estasi, immensa e pura. La cosa peggiore che si può fare a se stessi è rinnegare tale energia, lottare contro di essa, fingere che non esista, rimproverarci per il volerla esprimere o addirittura pensare che ne siamo superiori! Già.. perchè in termini di “sottile” non vi è nulla di Superiore, di più dinamico e creativo, l’Energia Sessuale è quella che Crea, che fa vibrare il tuo corpo, che lo porta in giro, che ti fa essere vivo e che ti permette di respirare, se tu non avessi quella energia saresti morto. Non c’è nulla di superiore.

Alcune discipline come il Tao o il Tantra, ad esempio, parlano molto bene del potere costruttivo dell’energia sessuale, infatti, se vi è una sana vita sessuale (mi riferisco anche alla masturbazione), il corpo manterrà  più a lungo la sua vitalità  e salute.

La Sessualità  vista anche come valore spirituale! Si perchè, al di là dell’atto sessuale in sè, l’energia sessuale non è altro che energia creatrice, che plasma, trasforma… e tutto questo avviene, e forse viene meglio inteso quando si parla di EROTISMO.. l’Eros infatti è il principale motore di ogni forma d’arte o di genio creativo, un’eros espresso in modo sano porta grandi vantaggi nella vita di un individuo… è l’espressione totale e non pervertita, della nostra Essenza, del nostro mondo interiore, della nostra vibrazione ed origine più prima, L’Eros, l’energia sessuale.. questo è!

Un vero praticante Tantra o Tao, che ha risolto le sue perversioni, le ha tutte disciolte ed ha integrato tutte le sue parti interne, senza conflitti di personalità nè desideri incontrollati, nè necessità di controllare o reprimere il desiderio del partner, sa bene di cosa parlo. Di fatti, chi è giunto a quelle vette sceglie sempre con Amore IL proprio Compagno di vita, Amante e Amato, il solo con cui condivide tale energia, qualcuno per la vita.. qualcuno un pò meno (sono scelte, che tuttavia si stabiliscono in comunione di “intenti” nel rispetto dell’altro… come ogni sana e reale relazione che si pone come obbiettivo la crescita e non l’abuso), si dona con Amore e Devozione e riceve allo stesso modo, senza paura o timore. Tra i due Amanti c’è un tale livello di Empatia, Amore e Connessione che non è possibile desiderare altro, ed ecco la Coppia Sacra, il Matrimonio Mistico, una totale esperienza di vera e pura Spiritualità  e Meditazione, attraverso l’atto dell’Amarsi, che è diverso dall’attaccamento (che comunque c’è.. siamo umani), è un Amore consapevole della libertà dell’altro e tuttavia sereno di “avere” un compagno Amico al proprio fianco, non un compagno da consumo e getta… quello non è tantra… checchè se ne dica….

Entrambe le discipline ritengono di fondamentale importanza la pratica della ritenzione, per diversi motivi ma il più importante riguarda la dispersione di energia creativa che si produrrebbe durante l’eiaculazione. Di fatti il Tao ammette (consiglia) l’eiaculazione solo per fini di procreazione. Il Tantra è dello stesso avviso, ma.. a differenza del Tao, ammette che questo non è sempre possibile per tutti. Chi non è ancora in grado di incanalare nel modo corretto la propria energia, rischierebbe infatti di produrre effetti peggiori della dispersione stessa, per sè ed anche per l’Amata. Una tale quantità  di energia, repressa (o negata) se non si sa ben convogliare potrebbe causare malattie linfatiche, al cuore, ai reni, allo stomaco, non ultima la salute psichica, e… per contro, produrrebbe nella donna un effetto “ninfomania”.. crudele, direi… quasi un invito alla dipendenza affettiva…

Dunque l’esperienza Sessuale è più vasta e ricca di quanto pensiamo, può essere uno strumento potentissimo di introspezione e crescita personale e della coppia, se gestito in modo sano e senza repressioni o perversioni. Diversamente può diventare uno strumento per sottomettere, mortificare ed aggredire il partner e la sacralità dell’essenza spirituale della coppia e degli individui… da un punto di vista Spirituale è uno degli atti più sacri al mondo, non a caso produce la vita.

Poi è un percorso fatto di lenta scoperta (se fatto con amore) percorsi che non si possono saltare nella foga di emanciparsi dai desideri… con il rischio di restarci incastrati dentro, o che questo diventi appunto più ..un percorso alla violenza, piuttosto che all’amorevolezza.

Mi è capitato di sentir dire  da persone che sentono la sessualità come “pericolosa o.. perversa” di voler giungere presto all’emancipazione dal desiderio e dalle pratiche sessuali, di voler raggiungere la pace dei sensi e magari percorrere la via ascetica per ottenerlo.. bhe, premettendo che, ognuno sia libero di prendere la strada che preferisca o trovi più giusta per sè… ma, credo ci voglia più dispersione energetica nel negare una cosa, piuttosto che ACCOGLIERLA e lasciarla pian piano Essere ciò che è …. semplice movimento calmo, di amore, scoperta, ed estasi che poche altre esperienze possono produrre, … a meno chè uno non sia un Buddha… ma, fin ora non ne ho incontrati.

Penso che la cosa più naturale e sana da fare, così come accade con i pensieri nella meditazione, sia osservare il proprio corpo e le sensazioni prodotte in esso quando desideriamo qualcosa e in modo molto naturale (senza nessun ferire e nel rispetto di tutte le parti) lasciamo che questa sensazione ci dica quello che è venuta a dirci, e dopo aver osservato senza giudizio.. accolta l’energia in noi, lasciarla andare, così come si fa con i pensieri nella meditazione. Trovo sia una pratica non sana quella di rinunciare al corpo quando siamo ancora vivi. Come se lo si volesse punire. Un giorno saremo morti e desidereremo avere un corpo, ne sono certa, dunque perchè negare di averne uno?

I desideri possono essere trascesi… il problema non sta neppure in questo in fondo.. il problema nasce quando vi è un conflitto inrisolto…. desiderare ardentemente in modo confuso e plurimo, un pensiero fisso e costante, pervertirlo nella negazione…… e magari accusare l’altra di avere problemi di ossessività..  e poi, causa un eccesso di energia non correttamente convogliata, CADERE nelle perversioni o nelle passioni cieche, nella corruzione… nella disgregazione di sè.. perdendo il centro, la lucidità e ferendo tutti coloro che amiamo.

(La passione va bene e può coesistere nell’Amore, ma… quando questa è pervertita, e repressa, di solito sfocia in plurime relazioni confuse, che poco hanno a che fare con l’Amore…. ma… senza giudizio, sappiamo leggere in tutto questo in chiave esoterica e non umana, che ogni Anima viene a fare un’esperienza a sè stante… e si sà.. che prima di essere onesti con un’altra persona, o con altre persone, bisogna esserlo con sè stessi…)

Dunque non si tratta di una banale esperienza ginnica o numerica…. (e se lo diventa non è più Amore.. ma abuso) è molto di più! E quando si ha la fortuna di trovare un Amato/Amante di vita con la quale si crea anche una Speciale Alchimia, se si tratta di Amore, le cose possono davvero diventare una grande occasione di crescita!

resizeL’Amore è una prova grandissima… ci mette davanti a tutti i nostri limiti e ci chiede di superarli, è uno specchio dal quale non si può fuggire.. e se Amiamo, se davvero siamo in Connessione con quell’Anima, allora questa lotta non è più una lotta e basta diventa anche uno specchiarsi calmo… cosciente e consapevole, nell’Amore incondizionato l’uno per l’altro, un meraviglioso modo di Crescere ed Evolvere, se c’è il rispetto, da entrambe le parti.

 

Rispetto: concetto che ad oggi per molti è diventato quasi risibile…

 

Per ESSERE occorre sia la luce che l’ombra, non si può essere integri se si rinnega la propria profondità, ciò che non lasciamo vedere a nessuno che teniamo nascosto e speriamo nessuno veda mai, se lotti con lei non puoi vincere perchè la tua profondità è grande quanto la tua luce, come sopra così sotto, non puoi sconfiggerla, dovresti integrarla, Amarla ed abbracciarla (Peter Pan in questo insegnava 😀 ).

L’ultimo Grande Specchio, la relazione con la persona che Amiamo, il processo alchemico più complesso ma anche più bello, fatto di tante dinamiche da risolvere, e quano non ne siamo capaci… andiamo altrove a cercare, ciò che eravamo sicuri di trovare nell’Amato, finchè non ci ha messo di fronte a noi stessi…. e nel terrore di specchiarci, cerchiamo invano un’altra relazione che.. “magari questa volta, riesco a mentire meglio!”

Trasceso questo concetto di Amore Animico, Amore Sacro o Amore e basta…. è giusto, quando si finisce per “essere feriti” più che Amati, plurime volte da quello/a che ritenevamo la persona con cui condividere la propria esistenza mano nella mano, è giusto.. umano, divino….. lasciarlo andare, proprio dove vuole… Amore, è anche per se stessi… e se Amare Te vuol dire Uccidere me stessa… con Amore, ti lascio andare… ma…..attenzione, se c’è rabbia, va accolta pure lei, e quindi…

“Mi hai resa a me stessa e riportato a galla la rabbia remota ed inespressa, con tutto questo che adesso sono ti ringrazio della conspevole rabbia in dono, ti lascio andare… e non far più ritorno, Grazie”

Con Amore… A te.


Informazioni su Daniela (Animessere)

La comunicazione, che sia verbale o non verbale, gioca un ruolo fondamentale in tutti i settori della vita. Un’immagine può rivelare molte cose, una parola detta nel modo e nel momento giusto può fare la differenza, come anche uno sguardo, un’abbraccio.
Alla base di questo c’è l’individualità, perchè ogni persona è unica, e nella sua unicità va colta la sua essenza, la sua verità , il suo mondo.
Sull’individualità  si fonda l’intera esistenza, l’omologazione rende schiave le persone e la loro vera essenza. Amo ascoltare o condividere momenti con le persone, e penso che la comunicazione sia l’unica via per un modo migliore, che questa avvenga tramite le parole, uno sguardo o un’abbraccio sincero. Amatevi ed Amate, senza ritegno!